EnglishFrenchGerman
Messaggio
  • Privacy Direttive Cookies

    Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo..

    Leggi normativa

Sentiero P7

Sentiero P7

Pinet - Colle della Valletta

Note Tecniche: http://montagna.provincia.cuneo.it/sentieri_alpini/valle_stura/p7.jsp
Dalla piccola sella a ridosso (S) della Testa del Pinet (1430 m), la strada a fondo naturale proveniente dal fondovalle Stura (Aisone) termina poco oltre in una radura alle spalle della costruzione usata dai margari. Qui inizia il sentiero P7, che, inoltrandosi nel territorio del Parco Naturale della Alpi Marittime, si allunga verso S nel Vallone della Valletta, passa per i Forest Launa (1478 m), poi, dopo aver attraversato alcune ripide gole, raggiunge serpeggiando il Ciabot del Bacias (1674 m). Il sentiero continua il suo corso quasi pianeggiante avvicinandosi gradualmente al fondo del Vallone della Valletta dal quale, con alcune serpentine, sale sul pianoro che ospita il piccolo Lago Sottano della Valletta (1900 m) e il nuovo Gias Sottano (casotto del Parco, 1909 m). Il sentiero prosegue sul fondo del vallone, serpeggiando prende quota a fianco di due belle cascate parallele, quindi sulle chine a levante della Testa Rimà e si porta alla base di una bastionata rocciosa incisa da una bella cascata, dove si biforca. La diramazione di destra (P7b), in cattivo stato, sale in direzione dei Laghi Soprani della Valletta. Il tronco di sinistra (levante) sale a strette svolte all'estremità della bastionata, che supera a quota 2413 m. Da questo panoramico luogo dominante il Lago Soprano della Valletta, la mulattiera volge a levante e, oltre lo strappo finale, raggiunge lo spartiacque Stura-Gesso, segnato dal Colle della Valletta (2488 m). Dal colle prosegue (a destra) la diramazione (P58), che sale al Colle Est della Rocca La Paur. Il sentiero N25 scende al Lago Sottano della Valletta e al rifugio Dante Livio Bianco.
AddThis Social Bookmark Button