EnglishFrenchGerman

Sei in:

Home Le Valli Valle Pennavaire
Messaggio
  • Privacy Direttive Cookies

    Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo..

    Leggi normativa

Valle Pennavaire

Valle Pennavaire

Introduzione

La valle del fiume Tanaro rappresenta il più notevole solco vallivo delle Alpi Liguri. Orientato nella sua parte superiore in senso est-ovest e poi nord-sud, si sviluppa per più di 50 km da Ceva alla sua articolata testata. A monte di Ponte di Nava la valle assume infatti un aspetto decisamente ramificato e numerosi rii (Tanarello, Negrone, ecc.) confluiscono a formare l'alto corso del fiume Tanaro. La valle del Tanaro ha costituito e costituisce tuttora una via di transito tra il Piemonte e la costa ligure attraverso numerosi valichi, alcuni dei quali percorsi oggi da arterie di una certa importanza come il Colle di Nava e il Colle di San Bernardo. Un corollario di cime costella la valle, comprendendo quasi tutte le principali montagne delle Alpi Liguri: il Bric Mindino (1879 m), il Galero (1708 m), l'Armetta (1739 m), il Saccarello (2200 m, la cima più alta della Liguria), il Marguareis (2651 m, la massima elevazione delle Alpi Liguri), la Cima delle Saline (2612 m), il Mongioie (2630 m), l'aguzzo Pizzo d'Ormea (2476 m) e l'Antoroto (2144 m).La valle è servita da alcuni rifugi alpini come il nuovo Don Barbera al Colle dei Signori, nell'area del Parco dell'Alta Valle Pesio e Tanaro, il Ciarlo Bossi a Carnino, il Mongioie sul versante meridionale della cima omonima, il Rifugio Savona in Valdinferno, il Rifugio Valcaira ai piedi del Pizzo d'Ormea, il Rifugio Sanremo al Saccarello e la Capanna Speleologica Saracco Volante a Piaggia Bella. Da segnalare l'iniziativa della sezione CAI di Ormea che ha progettato un sentiero di valle costituito dalla "Balconata di Ormea", un percorso di circa 40 km sul versante orografico sinistro della valle che corre su sentieri, mulattiere, piste forestali e strade comunali. L'ossatura dei sentieri della valle è costituita poi dalla GTA-Via Alpina e dall'Alta Via dei Monti Liguri (AV). La GTA inizia o termina il suo lungo percorso attraverso i monti piemontesi proprio a Viozene. Il nuovo percorso della Via Alpina compie invece un ampio giro nella valle sfruttando l'itinerario della Balconata di Ormea da Viozene a Eca. Sul Colle di San Bernardo di Garessio si collega poi all'Alta Via dei Monti Liguri che percorre per buona parte la cresta spartiacque fino al Colle di Nava. I sentieri della valle sono siglati con la lettera A dal numero 1 al 34.

Le acque della Valle Pennavaire, caso abbastanza raro per le montagne cuneesi, finiscono nel Mar Ligure. L'alta valle con i Comuni di Caprauna e di Alto appartiene tuttavia alla Provincia di Cuneo. Attraverso il valico stradale del Colle di Caprauna (1379 m) avviene il collegamento con la Valle Tanaro ma esistono altri valichi storici frequentati nel passato e oggi caduti in disuso come il Colle S. Bartolomeo o il Colle del Prione. Gli antichi percorsi di collegamento tra il Piemonte e la costa ligure si rintracciano ancora oggi, come per esempio l'antica mulattiera che unisce Caprauna ad Alto. I monti che abbracciano ad anfiteatro l'alta valle raggiungono la massima elevazione con il Monte Armetta (1739 m), la cui panoramica vetta è toccata dal sentiero dell'Alta Via dei Monti Liguri che corre sulla cresta spartiacque. I sentieri della valle sono siglati con la lettera A come quelli della contigua Valle Tanaro.

  • Filtra
  • Cerca
  Nome Descrizione
Sentiero A33 A33 Alto – Arma da Via – Caprauna (Case Sottane)
Sentiero A34 A34 Eca – Albra – Villaro
Sentieero A35 A35 Passo Tanarello – Colle delle Selle Vecchie